Percorso di

Educazione al Movimento

Nel nido e nella scuola dell’infanzia una delle attività fondamentali è quella motoria. 

Il percorso da noi proposto si fonda su un metodo, nato dall’interazione della scienza pedagogico clinica con le scienze psicomotorie. 

Questo metodo si indirizza verso un movimento educativo orientato alla persona nella sua totalità, “al corpo che ho, al corpo che sono, al corpo che vivo”, fenomeno psichico e testimone rassicurante dell’unità corporea. 

In base alla conoscenza dei bambini e delle loro esigenze si prevedono esperienze educative motorie finalizzate a promuovere in loro la presa di coscienza di Sé, la formazione e lo sviluppo dello schema corporeo.

Il nostro metodo tiene conto che le esperienze di movimento apportano un notevole contributo allo sviluppo della consapevolezza del Sé, alla costruzione della propria identità e alla capacità di instaurare rapporti soddisfacenti con gli altri.

Progetto di Musica

La musica esercita un ruolo di grande importanza nello sviluppo psico-fisico di ogni individuo, specialmente nei bambini. Infatti, la musica riesce con naturalezza ad entrare nel profondo di ognuno, stimolando la creatività, il movimento, l’espressione emotiva.

Al giorno d’oggi i bambini, sempre più abituati a confrontarsi con strumenti tecnologici che li privano dell’esperienza creativa, hanno realmente bisogno di sperimentare l’uso di materiali grezzi e di affinare l’orecchio a sonorità inusuali. 
È importante stimolarli ad una viva e coinvolgente partecipazione al gioco dell’improvvisazione musicale, senza vincoli di acculturazione. 

Grazie all’uso e alla costruzione di strumenti musicali provenienti dalla natura, i bambini potranno esprimere la propria musicalità e fantasia inventando ritmi e melodie affini alla propria personalità, senza doversi adeguare a musiche già strutturate.

Avviare i bambini all’ascolto cosciente dei suoni che ci circondano per migliorare la capacità di discriminazione acustica è uno degli obiettivi educativi che verranno raggiunti.

È fondamentale dapprima suscitare l’interesse a un ascolto attivo; gli oggetti che la natura ci offre rappresentano l’origine stessa della musica e ci danno la facoltà di ricreare un gioco antichissimo e allo stesso tempo istruttivo, nella ricerca di timbri, altezze e ritmi di base. Questo permetterà inoltre ad ognuno di individuare le proprie predisposizioni musicali.

Progetto Pony & Children

 

Studi recenti di psicologia e pedagogica hanno evidenziato gli effetti benefici della persona a contatto con l’animale.

L’incontro tra bambino e cavallo (pony) coinvolge entrambi i protagonisti in uno scambio empatico di nuove emozioni. Questo scambio stimola la propriocezione corporea e facilita l’acquisizione delle capacità coordinative, educa il senso del ritmo, del movimento e dell’equilibrio.

Il cavaliere, attraverso il muoversi del cavallo, riceve stimoli neuromuscolari efficaci sul rilassamento fisico e mentale.

Attività Assistite con Animali

La nostra struttura propone, all’interno del piano educativo un progetto di “pet education”; un percorso di avvicinamento al mondo degli animali rivolti a tutti i bimbi che frequentano sia l’asilo nido che la scuola dell’infanzia.

Scopo generale di questo progetto è sensibilizzare i bambini verso il modo di comportarsi con gli animali, stabilire con loro un rapporto di fiducia, favorire un maggiore rispetto verso di essi, rafforzando al tempo stesso il senso di responsabilità. 

L’animale è dunque strumento pedagogico che tende a favorire l’apprendimento, a migliorare le dinamiche di gruppo, ma soprattutto è una fonte di valorizzazione e di autostima per tutti i bambini. 

Progetto Green Lab

I benefici generati dall’uomo a contatto con la natura sono innumerevoli tanto che la natura stessa è stata riconosciuta per la sua importanza sia in campo pedagogico, psicologico e medico. La natura offre contesti di ricerca e di scoperta che per i bambini risultano essere un’occasione stimolante per poter apprendere su differenti piani, ovvero quello linguistico, cognitivo, motorio, espressivo ed emozionale.


Il contatto diretto con la natura, con le piante e con gli animali contribuisce a promuovere lo sviluppo empatico nel bambino che impara a relazionarsi con il mondo circostante e a gestire le proprie emozioni.


La natura promuove benefici che abbracciano i sensi, la mente ed il corpo, il movimento, la scoperta, l’accettazione, la solitudine, l’udito, la creatività, la salute fisica e l’ambiente stesso. Settimanalmente verranno organizzati diversi laboratori, attività e percorsi sensoriali “green” a seconda dell’età e delle sezioni, utilizzando prevalentemente materiali naturali come foglie, legnetti, terra, mais, sassi, fiori, ortaggi etc.

Pari passo a questo laboratorio vi sarà il Progetto Orto che ci metterà a disposizione molti materiali naturali di cui abbiamo bisogno.

Progetto Orto

Bergamo Cosmopolitan School possiede un ampio giardino ed un orto esclusivamente a disposizione dei bambini della scuola.

Perché l’orto?

  • L’orto è un formidabile luogo di apprendimento poiché lo si lavora con le mani e con la testa. Si tratta di un apprendimento esperienziale che dà consapevolezza. 

  • L’orto è un luogo vivo, luogo di relazione e di collaborazione poiché tutti possono fare qualcosa: c’è chi insegna, chi pianta, chi semina e chi dà acqua. 

  • L’orto è luogo di stimolazione dei cinque sensi: la vista (forme, colori e dimensioni), il tatto (ruvido, liscio, secco, morbido…), l’udito (fruscio delle foglie, animali che lo vivono, acqua d’irrigazione, fango), l’olfatto (differenti profumi di ortaggi, fiori e piante) e gusto (relativo ad ogni frutto raccolto).

  • L’orto aiuta ad apprendere le stagioni e la differenza tra il ciclo biologico ed il ciclo colturale, così da riassociare il cibo alla propria origine e stagionalità.

  • L’orto è il luogo vivo per eccellenza per scoprire i piccoli animali che popolano il mondo: è il caso dei bruchi, delle formiche, delle lumache e delle farfalle.

 

Durante l’anno costruiremo un diario degli avvistamenti, nel quale annoteremo la sequenza delle stagioni con i vari passaggi e risultati ottenuti, mediante piccole descrizioni, fotografie e disegni.

L’obiettivo didattico è quello di stimolare lo spirito di osservazione e la conoscenza della ciclicità delle stagioni con i suoi cambiamenti.

Progetto MiniRugby

Il rugby, sport di tradizione anglosassone, si sta diffondendo sempre più anche in Italia, soprattutto tra i bambini piccoli. Quello che piace di questo sport è lo spirito educativo globale che lo caratterizza. 

Il minirugby è uno sport di contatto con il terreno, con i compagi e con gli avversari, ma secondo norme che ne garantiscono la sicurezza. Sono esclusi quegli scontri che caratterizzano il rugby degli adulti; il primo insegnamento è volto pertanto alla gestione del proprio fisico durante le fasi di contatto.

Il Minirugby insegna il rispetto delle regole e del prossimo, promuove la collaborazione tramite il fondamentale gioco di squadra e favorisce lo sviluppo motorio dei piccoli. I primi allenamenti sono infatti finalizzati a consolidare i corretti schemi motori per la corsa, il salto ed il rotolamento. 

Questo sport ha come regola federale che tutti partecipino alla partita. È una regola molto importante che garantisce il massimo livello di coinvolgimento di tutti i bambini e ragazzi, senza discriminazione alcuna. 

Diversamente dal pensiero comune, il rugby insegna l’importanza della partecipazione non fine alla vittoria e dissocia il contatto fisico all’utilizzo della forza. Per questo motivo è uno sport fortemente consigliato anche alle bambine e ragazze. 

Il rugby aiuta a costruire legami per tutta la vita e “ogni giocatore tende a ricrearlo in ogni ambito, famigliare, lavorativo, ricreativo in cui si trova con buoni risultati in termine di aggregazione sociale.” 

Progetto Dance&Fun

l Corso, rivolto ai bambini in età prescolare, si propone di avvicinare e sensibilizzare al mondo della danza e della musica con un’attività motoria e ritmica; l’attenzione è rivolta soprattutto allo sviluppo delle capacità d’ascolto attraverso il movimento.

Per facilitare l’apprendimento, gli esercizi sono eseguiti in coppia, in gruppo e singolarmente con l’improvvisazione, per amplificare la percezione dello spazio e del tempo

I bimbi saranno coinvolti in un’esperienza in grado di sviluppare le potenzialità fisiche e musicali anche attraverso un’attività dal carattere ludico-espressivo.

Un’esperienza sul movimento ampia ed approfondita, utile sia per coloro che intendono proseguire gli studi coreutici, sia per coloro che non intendono approfondire questa materia, costituendo di per sé un arricchimento alla formazione del bambino. 

La lezione settimanale ha una durata di 45 minuti.